--- Benvenuto nel blog dell'A.R.I. Sezione di Albino APS - Associazione Radioamatori Italiani - 2403 L02 - IQ2CP - c/o Villa Pacis Via S.Maria,10 Albino (Bg) - sede aperta ogni Venerdì dalle ore 21.00 ---

Post in evidenza

Quote Sociali 2024

martedì 7 maggio 2024

TT8RR – TT8XX – TT8TT … Una avventura dell’ I.D.T. in Chad - aprile 2024

 Come fosse un film, iniziamo con l’elencare i protagonisti di questa avventura:

  • Il team formato da: I2YSB (Silvano), I1HJT (Alfeo), I1FQH (Franco), I2PJA (Tony), IK2CKR (Angelo) e IK2HKT (Stefano).

  • Il nostro contatto in Chad: M. Karmel

  • Suor Anna Rosa Casadei.

  • Suor Paola.

  • Suor Aimè.

  • Suor Silvana.

  • Tutte le novizie del convento di N’Djamena delle Suore della Carità di S. Giovanna Antide Thouret.

  • Guest star: il caldo !

In Chad eravamo già stati nel 2012; allora il nostro setup era più modesto e in quella occasione avevamo scelto come “base” il Novotel di N’Djamena. Una struttura organizzata, con aria condizionata, piscina e generatori sempre attivi ed efficienti. Ad oggi, colpa una inflazione galoppante, il prezzo per il soggiorno in questa struttura è diventato proibitivo per il nostro budget e quindi abbiamo escluso fin da subito la possibilità di ritornare al Novotel anche perché, con 4 stazioni e una decina di antenne, non c’è il posto fisico per poter installare tutto senza creare interferenze tra una stazione e l’altra.

A metà del 2023 abbiamo iniziato a pensare al nostro ritorno in Chad visto che, dalla nostra ultima Dxpedition del 2012, non ci sono più state attività di una certa importanza se non sporadiche apparizioni di singoli operatori in configurazione “holiday style”.

Abbiamo quindi contattato una nostra vecchia conoscenza, Suor Silvana, la quale è spesso a N’Djamena e già ci aveva espresso la possibilità di poter usufruire del Convento della sua congregazione; spazi enormi per le antenne, una struttura non alberghiera ma comunque con numerose stanze a disposizione, un generatore da 20 Kw e una buona garanzia di sicurezza (il Convento è tutto recintato con uomini di security presenti h24). Non ci siamo lasciati scappare l’occasione e, contattato il nostro amico Karmel, abbiamo iniziato i preparativi per il nostro viaggio in Chad previsto a Gennaio 2024. Ottenuti tutti i permessi e le nuove licenze, una mattina di Dicembre arriva la doccia fredda: disordini e un tentativo di colpo di stato hanno messo a repentaglio la sicurezza di tutti gli stranieri presenti in Chad. Di conseguenza impossibile per noi poter varcare la dogana in Gennaio con tutto il nostro materiale reputato “sensibile”. Ovviamente la sicurezza viene prima di ogni cosa e quindi, con pazienza, abbiamo aspettato un momento migliore. Passati i disordini si paventavano all’orizzonte le elezioni presidenziali previste per la metà di Maggio 2024. Quindi la dxpedition doveva essere fatta prima delle elezioni oppure saremmo dovuti restare in attesa ancora mesi perché, come accade spesso nei paesi africani, il periodo post elezioni diventa sempre molto problematico dal punto di vista della sicurezza.

Ci siamo trovati quindi a decidere, nell’arco di una decina di giorni, se partire oppure rimandare. Un giro di telefonate e trovata la disponibilità di 6 operatori (purtroppo IK2RZP e JA3USA hanno dovuto declinare per impegni famigliari) ci siamo immediatamente messi in moto con l’organizzazione. Abbiamo ottenuto i visti dall’ambasciata in Germania a tempo di record, prenotato il volo, testato tutto il materiale (compreso una stazione appositamente dedicata all’attività satellite su QO100) e avvisato le famiglie: tra 1 settimana si parte!

Una occhiata al meteo che troveremo a N’Djamena ci fa capire che soffriremo un po’ di caldo (previsti max 40 gradi) ma … siamo abituati a certe temperature e la cosa non ci preoccupa più di tanto (un errore, questo, che influenzerà tutta la spedizione).

Siamo partiti il giorno 16 Aprile da Milano Malpensa con destinazione N’Djamena (la capitale del Chad) via Parigi. Siamo atterrati alla sera alle 17:45 ora locale (le 16:45 utc) e ad attenderci c’era il nostro caro amico Karmel. Le formalità doganali sono state espletate velocemente in quanto avevamo già preventivamente avvisato le autorità del nostro arrivo. Ma subito ci siamo resi conto di una cosa: forse i 40 gradi che ci aspettavamo sono qualche cosa in più … Il termometro all’uscita dell’aeroporto segnava 42 gradi Celsius e Karmel ci comunicava che la temperatura era scesa un po’ e si stava meglio rispetto al caldo soffocante del pomeriggio! Ci guardiamo tutti in faccia e nessuno di noi commenta; pensiamo però che al Convento ci sono molti alberi e luoghi all’ombra e questo aiuterà a sopportare il caldo. Un breve tragitto di circa 30 minuti e alle 19:30 entriamo nel Convento. Ad attenderci troviamo Suor Anna Rosa Casadei, una romagnola DOC come testimonia il suo cognome, che subito ci fornisce acqua fresca per ritemprare lo sbalzo di temperatura. Ci diamo una occhiata in giro ma oramai è buio e non possiamo far altro che prendere possesso dei nostri alloggi e riposarci qualche ora. La prima notte passa insonne per tutti: la temperatura non accenna a diminuire e verso mezzanotte realizziamo che siamo ancora a 40 gradi… Facciamo una serie infinita di docce in attesa che sorga il sole. Alle 5,30 del mattino siamo già tutti in piedi e pronti per montare le nostre antenne. Come sempre Stefano (IK2HKT) e Tony (I2PJA) si occupano del setup delle 4 stazioni mentre tutti gli altri cominciano ad assemblare le due antenne Xbeam e il loop dei 30. Nelle nostre intenzioni c’era in progetto anche il montaggio della verticale dei 40/80 per il cw ma a metà mattina tutto è scemato. Il termometro continuava inesorabilmente a salire fino a raggiungere i 46 gradi. Impossibile e rischioso lavorare con questo caldo. Abbiamo quindi dovuto “tirare i remi in barca” e rifugiarci nella stanza adibita a sala radio (l’unica stanza dotata di vaporizzatore d’acqua che temperava un po’ l’aria ma comunque senza condizionatore e con una temperatura stabilmente sopra i 40 gradi). Approfittiamo per completare il setup dei PC e internet e iniziare le operazioni verso la metà del pomeriggio. Silvano ( I2YSB ) aveva pianificato i lavori da fare ma con questo caldo ha dovuto rivedere tutto il suo progetto. Nel frattempo il generatore messo a disposizione dalle suore dava forfait per la temperatura troppo elevata. Avvisato immediatamente Karmel abbiamo provveduto a cablare la linea elettrica con il generatore di scorta che preventivamente avevamo noleggiato: ovviamente l’addetto non c’era e solo dopo qualche ora si è presentato per spiegarci come far partire “l’accrocchio” cinese che potete vedere nelle foto. Riavuta la corrente elettrica abbiamo ripreso la nostra attività radio ma, dopo qualche ora, dopo il calare del sole, anche il secondo generatore andava in blocco.


Ci siamo adoperati per la costruzione di una sorta di radiatore con un grosso fusto da 200 lt. , forato nella parte bassa e fornito di una pompa elettrica dell’acqua in modo da far circolare meglio l’acqua di raffreddamento del motore del generatore. Durante la costruzione di questo “radiatore improvvisato” (erano circa le 9 di sera) una suora novizia arrivava trafelata dicendo: “c’è un italiano a terra e non risponde più”. Subito siamo corsi tutti a vedere e quello che abbiamo trovato ci ha sconvolto: abbiamo trovato Tony (I2PJA) steso a terra nella sua stanza in preda a convulsioni e in stato del tutto incosciente. Nel frattempo tutti i presenti nel Convento accorrevano perché si era capito che qualche cosa di grave stava succedendo. Abbiamo sollevato Tony e adagiato nel suo letto. Suor Anna Rosa (infermiera professionale) controllava subito i parametri vitali rilevando una febbre corporea di poco sotto i 42 gradi. Tony era incosciente, non rispondeva alle nostre sollecitazioni, tremava e sbatteva … Con polso fermo e sicuro Suor Anna Rosa ci dice: lo portiamo in ospedale! Fortunatamente l’ospedale dista solo 3 km. e, chiamata l’ambulanza, è arrivata nell’arco di pochi minut
i.

Ovviamente non aspettatevi di vedere una ambulanza come quelle a cui siamo abituati noi: si trattava di un fuoristrada Toyota pick up con un cassone coperto dietro e senza barella. Nel frattempo tutte le novizie si erano date da fare per inzuppare salviette di acqua fresca e tamponare tutto il corpo di Tony in modo da aiutarlo a combattere l’elevata temperatura. Abbiamo quindi caricato “di peso” Tony con il materasso del suo letto sull’ambulanza e, accompagnato da Suora Anna Rosa e Suor Aimè, si è diretto verso l’ospedale. Non entro nei particolari della terapia somministrata a Tony ma dobbiamo solo ringraziare la Dott.sa Julia de Riba Martinez (di nazionalità spagnola) la quale ha prontamente fornito le cure di primo soccorso e provveduto a ricoverare Tony in terapia intensiva. I macchinari a disposizione dell’ospedale non sono di prim’ordine ma comunque sono stati in grado di salvare la vita a Tony. Si! , di salvargli la vita perché la diagnosi dice che si è trattato di un colpo di calore in forma gravissima che, se non preso per tempo, poteva avere conseguenze letali. Verso le 2 della notte, dopo circa 4 ore dal suo ricovero, siamo stati chiamati da Karmel il quale, avvisato, aveva raggiunto anch’egli l’ospedale. Sono arrivate notizie confortanti che davano Tony fuori pericolo, con la febbre in calo e la ripresa di conoscenza. E’ stato per tutti un sollievo confermato poi, verso le 3 di notte, dal rientro dall’ospedale di Suor Anna Rosa. Con Tony era restata suor Aimè la quale ha vegliato per due notti intere fino a quando Tony non ha ripreso le forze. Solo dopo 5 giorni, passati sotto stretto controllo e in un ambiente climatizzato la dottoressa ha autorizzato il rientro di Tony in Convento accolto, ovviamente, tra nostre lacrime e tanta commozione. Poteva finire in tragedia e invece è finita bene; abbiamo imparato una lezione che non ci scorderemo più. Dobbiamo solo che ringraziare in maniera infinita tutte le suore e le novizie del Convento che subito si sono prestate a dare aiuto, disponibilità e anche un po’ di conforto: sono state eccezionali, degli angeli che non scorderemo mai più e saranno tutte e sempre nei nostri cuori.




Nel frattempo, la stessa notte in cui Tony si è sentito male, abbiamo anche provveduto a togliere i letti dalle nostre camere e posizionarli all’esterno. Abbiamo dormito tutte le notti all’aperto, sotto le stelle e con una temperature che mai è scesa sotto i 37 gradi; si riusciva a chiudere occhio solo nella tarda notte, verso le 2 e fino al sorgere del sole verso le 5,30 …. Il resto era tutto un girarsi e rigirarsi senza poter effettivamente riposare.

Ma torniamo a parlare di radio: ovviamente la vicenda di Tony ha stravolto tutti i nostri piani. Il montaggio delle antenne poteva avvenire solo dalle 5,30 alle 7,15 del mattino. Dopo questo lasso di tempo diventava pericoloso se non impossibile restare all’aperto (abbiamo raggiunto stabilmente i 47 gradi all’ombra) e il caldo era talmente asfissiante che era impossibile trovare sollievo nemmeno sotto i grossi alberi di mango… bisognava stare chiusi, all’interno dell’unica stanza “umidificata” e preservare le forze e la salute. Abbiamo concluso il montaggio delle antenna dopo 4 giorni (e iniziato a smontare con 4 giorni di anticipo, ovviamente!). Di conseguenza sono stati solo 6 i giorni in cui abbiamo operato con tutte le 4 stazioni HF cercando di massimizzare i momenti migliori di propagazione sulle varie bande. Nel frattempo Franco (I1FQH) approntava la stazione per il satellite QO100. Sulla carta tutto molto semplice ma, in realtà, abbiamo faticato non poco per fare il puntamento. Avevamo dati contrastanti che non collimavano tra loro. Abbiamo chiesto quindi aiuto ad un nostro amico, IK2DHS Franco il quale, con trentennale esperienza “satellitare”, ci ha fornito i giusti suggerimenti. Grazie all’aiuto di Franco il beacon di QO100 si è fatto sentire e potevamo andare “on air” anche via satellite. Ma il caldo è tornato protagonista anche qui: il transverter DxPatrol non riusciva a funzionare a dovere. Pochi minuti di QSO e tutto andava in protezione per il troppo calore (il DxPatrol entra in protezione a 45 gradi : in camera ce ne erano 42!)



Dovevamo trovare una soluzione perché non era possibile operare in quelle condizioni. L’idea è stata quella di avvolgere il DxPatrol in una salvietta e metterlo in frigorifero…. Si, in frigorifero !!! … e lasciarlo per circa 30 minuti per poi toglierlo e utilizzarlo. In questo modo potevamo operare per circa 1 ora; finito l’effetto “fresco” si tornava e mettere il DxPatrol nel frigorifero e via dicendo per tutta la giornata. Alla fine, nonostante l’andare e venire dalla cucina, Franco I1FQH ha messo a log oltre 700 QSO. E’ stata comunque una bella esperienza che dovevamo fare ma in futuro pensiamo di non portare più la stazione satellitare in dxpedition: in effetti si tratta di QSO tramite un ripetitore (sofisticato ma sempre un ripetitore) che nulla a che vedere con propagazione, linea grigia, long path etc.etc.




Come potete vedere dai numeri riportati nella tabella la parte del leone è stata fatta dal modo FT8 nelle bande alte. La stagione è propizia proprio per le bande alte tant’è che non avevamo portato nulla per i 160 mentre la verticale 40/80 ssb non è stata nemmeno montata. In SSB e CW abbiamo comunque operato in maniera costante: i primi giorni, con Tony in ospedale, la stazione SSB è stata curata solo da Stefano IK2HKT con qualche sporadica presenza di Silvano I2YSB e Franco I1FQH. Al rientro dall’ospedale Tony I2PJA ha comunque limitato la sua operatività perché sotto cura antibiotica e quindi parzialmente debilitato.

In CW i turni preventivamente disposti da Silvano sono saltati tutti. Il ritardo nell’installazione delle antenne, l’anticipo del loro smontaggio, il caldo soffocante e la necessità di preservare le poche forze ancora disponibili, hanno indotto gli operatori CW ad alternarsi ogni 30/40 minuti sfruttando i momenti migliori di propagazione e lasciando a FT8 i momenti più “calmi”.

Non sono mancati altri inconvenienti dovuti sempre al caldo. Una mattina ci siamo svegliati e tutti i nostri telefoni erano fuori uso: alcuni presentavano un messaggio di “high temperature”, altri addirittura non si accendevano più! Ovviamente la soluzione è stata semplice: mettiamoli in frigorifero!

Con nostro stupore i cavi coassiali, nonostante fossero sempre sotto i diretti raggi del sole e quindi a temperature ben oltre i 50 gradi, sono restati sempre in efficienza: Messi & Paoloni forever !!!

Una mattina un amplificatore ha inaspettatamente iniziato a dare un errore e non erogare più potenza (abbiamo poi scoperto a casa che il caldo aveva mandato in tilt il sensore di temperatura). In un altro amplificatore è esploso un condensatore del banco filtri (pur usando il PA a metà potenza per preservarlo dal troppo calore) , abbiamo tolto tutti i filtri dell’aria agli amplificatori per aumentare il riciclo senza ottenere grandi effetti, un Elecraft K3 è andato in tilt e nonostante fosse settato a bassa potenza (per limitare l’input nel PA) ogni tanto erogava la massima potenza mandando di overdrive il PA. Qualche computer che ogni tanto dava i numeri spegnendosi per il troppo calore e bloccando la rete…. Insomma, cose di normale amministrazione se pensiamo che ci “rinfrescavamo” con l’aria che usciva dalla ventola dei PA!

Ma, almeno in parte, le nostre “angeli custodi” hanno fatto di tutto per farci sopportare le temperature inaspettatamente elevate di quei giorni. Le suore ci hanno preparato ottimi pranzi e cene, fatto mangiare tanta frutta e fornito di acqua fresca in continuazione con aggiunta di integratori di potassio e magnesio in modo da prevenire qualsiasi tipo di colpo di calore.

Di solito il tempo passa in fretta durante una dxpedition ma questa volta non passava mai. Stare chiusi in 6 persone in una stanza di 16 metri quadrati con 4 stazioni funzionanti h24 e un nebulizzatore d’acqua che faceva rumore come fosse un treno a vapore, non ha reso questa spedizione una passeggiata! Tutti noi contavamo i giorni che restavano: abbiamo iniziato a smontare 4 giorni prima della nostra partenza perché la temperature non ha mai accennato ad abbassarsi e quindi il tempo utile per lavorare all’esterno era sempre le prime 2 ore del mattino.



Ma alla fine tutto è bene ciò che finisce bene; tra difficoltà, spaventi, caldo e inconvenienti siamo riusciti a terminare la dxpedition con un totale di 83500 QSO. Il 30 Aprile, nel primo pomeriggio e con una temperatura di 47 gradi siamo ripartiti verso l’aeroporto. Ci aspettava un ultimo problematico passaggio in dogana. Ci è venuta in aiuto Suor Paola, madre superiora di tutti i Conventi dell’ordine delle Suore della Carità di S. Giovanna Antide Thouret dell’aerea sub sahariana, la quale ha assicurato che tutto sarebbe andato liscio. Un po’ perplessi siamo giunti all’aeroporto ed all’esterno, ad aspettarci, c’era M. Abel, responsabile capo dell’ufficio immigrazione dell’aeroporto. Come siamo scesi dalle nostre auto ci è venuto incontro dicendo: "siete gli amici di Suor Paola?”. A questa domanda Silvano I2YSB ha subito tirato un sospiro di sollievo. Abbiamo passato tutti i controlli in un batter d’occhio, ci siamo goduti l’agognata aria condizionata dell’aeroporto che in pochi minuti ci ha fatto sentire quasi “in paradiso”. Dopo aver ringraziato M. Abel per il prezioso supporto ci siamo diretti al check in dell’Air France e una inaspettata sorpresa ha reso il viaggio di ritorno una esperienza piacevole. L’addetto di Air France ci comunicava che hanno combinato dei pasticci e 3 di noi sono stati passati in classe “Economy Premium” e altri 3 in classe business senza dover pagare sovrapprezzo. Subito è scattata la rincorsa di ognuno di noi per poter usufruire della business: si trattava di poter dormire in un vero letto per tutta la durata notturna del volo! Abbiamo valutato varie opzioni di scelta, dall’estrarre a sorte i nomi a quello di andare per ordine alfabetico. Alla fine abbiamo deciso che i “più anziani” avrebbero goduto di questo privilegio. E così I2YSB Silvano, IK2CKR Angelo e I1HJT Alfeo si sono goduti le “coccole” della business. Gli altri 3 invece sono andati in classe premium che, comunque, gode di poltrone più ampie e con la possibilità di più spazio tra un sedile e l’altro rispetto alla classe economy. Un finale meritato dopo i 15 giorni passati in condizioni davvero al limite della sopravvivenza.

Siamo atterrati verso le 12:00 ora locale a Malpensa il giorno 1 Maggio, festa dei lavoratori. Abbiamo festeggiato, soprattutto per avere con noi Tony in perfetta salute, tutti provati da questa esperienza che oramai è un ricordo ma che sicuramente ci ha fatto apprezzare la disponibilità di chi ci ha aiutato e ci ha insegnato molto anche dal punto di vista umano. Ci siamo tutti supportati e sopportati e, sicuramente, la prossima volta non sottovaluteremo le condizioni meteo dei posti che visiteremo facendo le scelte più opportune per preservare, sopra ogni cosa, la salute di tutti.

Grazie a tutti gli amici OM che sempre ci aiutano con le loro donazioni, alle Aziende e alle Sezioni che con il loro contributo hanno reso possibile questa dxpedition.

Facciamo tesoro di questa avventura e adesso pronti alla ricerca di una nuova meta.

73, Italian Dxpedition Team

sabato 13 aprile 2024

 DXpedition in Chad per gli amici 

dell' I.D.T. Italian DXpedition Team

chad-MMAP

TT8RR (ssb-cw-rtty)  TT8XX (ft8)  TT8TT (Sat)

 The Team will be active from 16/17 to 30 April 2024

QTH = N'Djaména - Loc = JK72nb - WAZ = 36 

tt3call

 Six operators of the Italian Dxpedition Team will be active as

TT8RR (ssb-cw-rtty), TT8XX (FT8) and TT8TT (satellite QO100).

 They will run 4 stations on 6 to 80 meters + 1 station on satellite.

 FT8 will use Fox mode.

When the pileups have worn off, will be used in normal mode.

 QSL direct to I2YSB.

 See https://win.i2ysb.com/logonline/ for log on line in real-time

(internet connection permitting).

 Since it is the hottest period of the year (43 degrees Celsius expected in the shade!) the team is already equipping itself with 1 backup power generator given that the location's generator will not be able to function 24 hours a day.

 Operations will begin in FT8; and all other operating modes thereafter.

giovedì 4 aprile 2024

martedì 12 marzo 2024

Direttivo ARI 2024-2026 - Cariche

In data 11/03/2024 si sono riuniti come da statuto gli eletti nel Nuovo Direttivo e dopo aver ringraziato gli uscenti Ernesto Brugnetti IW2ODR, Giuseppe Brucato IW2NKY e Giovanni I2IFT, il nuovo Consiglio Direttivo discute e determina le seguenti cariche:

  • Presidente: Alberto IZ2XAF
  • Vicepresidente: Giorgio IZ2LPN
  • Segretario e Tesoriere: Paolo IK2SAE
  • Consiglieri Ufficio Stampa e Pubbliche Relazioni: Giorgio IZ2LPN, Paolo IK2SAE
  • Consiglieri coordinamento Attività Interne ed Esterne: Federico IZ2YAL, Gilberto IZ2KRZ
  • Consiglieri gestione Locali di Sezione: Ermanno IK2WZV, Pierre IW2NRQ

Il Direttivo inoltre concorda all'unanimità che gli uscenti Ernesto Brugnetti IW2ODR, Giuseppe Brucato IW2NKY e Giovanni I2IFT sono i benvenuti nel contribuire alle attività di Sezione e verranno coinvolti se farà loro piacere.

lunedì 26 febbraio 2024

Relazione del Presidente all'Assemblea annuale 2024

Cari amici,

anche quest'anno siamo giunti all'importante appuntamento con l'assemblea generale annuale, un momento ufficiale che non solo rappresenta la rendicontazione delle attività svolte dalla Sezione e dai soci nel 2023, ma costituisce anche un'opportunità di socializzazione in cui siete tutti invitati a condividere idee, proporre attività e esprimere opinioni sulla gestione e sull'andamento economico.

Si conclude il triennio di gestione del Consiglio Direttivo attuale, di cui ho avuto l'onore di presiedere come Presidente. In questa circostanza, la mia relazione sarà più dettagliata del solito poiché desidero delineare insieme a voi quanto è stato realizzato nel triennio appena trascorso.

Innanzitutto, desidero esprimere la mia gratitudine al Direttivo che ha condiviso e contribuito con impegno, ottenendo risultati eccellenti nel corso degli anni.

Un pensiero speciale va al nostro presidente onorario HBV Valerio, che ci ha lasciato lo scorso ottobre. Valerio è stato una figura fondamentale per la nostra Sezione, impegnandosi appassionatamente per il bene dei soci e delle attività svolte. Chiedo quindi un applauso da parte dell'Assemblea in suo ricordo.

Il Direttivo attuale è entrato in carica a metà giugno 2021 a causa delle restrizioni legate alla pandemia di COVID-19. La sfida iniziale è stata quella di contrastare il distanziamento sociale, e nonostante la nostra passione ci permetta di comunicare via radio, riteniamo che la convivialità e le attività in presenza siano fondamentali. Il Direttivo ha agito in modo proattivo, offrendo supporto logistico e organizzando iniziative per mantenere coeso il gruppo.

Per quanto riguarda il nostro ponte R7, sono stati effettuati lavori di rinnovo, compresa la cablatura dell'armadio, la creazione di protezioni e la predisposizione di collegamenti per pannelli solari e batteria tampone. Questo consentirà un funzionamento autonomo anche durante interruzioni della linea elettrica. Ringrazio Stefano IK2HKT e Ernesto IW2ODR per il loro costante supporto.

Durante le stagioni estive, abbiamo partecipato attivamente ad eventi all'aperto, offrendo assistenza radio a gare come la Valseriana Marathon e l'evento Podone Skytrail. Ringraziamo i soci che hanno contribuito, anche sotto la pioggia, garantendo la copertura radio sul percorso. Invito tutti i soci a partecipare alle attività future.

Il Direttivo ha lavorato intensamente per l'inserimento nel Registro Unico del Terzo

Settore, seguendo le nuove normative. Grazie al supporto dell'ufficio della Provincia di Bergamo, la nostra domanda è stata accolta, e ora attendiamo l'inserimento nell'elenco enti iscritti al RUNTS.

Abbiamo organizzato diverse attività di attivazione, tra cui il diploma IB2BGBS, coinvolgendo 5 sezioni A.R.I. e realizzando quasi 90.000 QSO. Ringraziamo tutti i partecipanti e auspichiamo che il nuovo Direttivo continui a promuovere tali iniziative, coinvolgendo anche i giovani.

Desidero ringraziare gli amici dell'I.D.T., in particolare Stefano IK2HKT, per le loro spedizioni esotiche che ci hanno regalato divertimento ed emozioni.

Durante il mio mandato da Presidente, ho avuto la fortuna di avere un Direttivo forte e saggio. Ringrazio tutto il Direttivo e in particolare il Segretario e Tesoriere Giuseppe IW2NKY, e il Vicepresidente Gilberto IZ2KRZ. L'esperienza raccolta permetterà al nuovo Direttivo di continuare a guidare la Sezione di Albino come esempio delle migliori sezioni A.R.I. in Italia.

Grazie a tutti per il vostro sostegno e vicinanza, che siate presenti in sezione o "on-air". Il vostro contributo è apprezzato di cuore.

23/02/2024

Alberto Bortolotti IZ2XAF

Risultati votazioni nuovo Consiglio Direttivo 2024-2026

 


domenica 26 novembre 2023

RINNOVO LICENZA DI RADIOAMATORE – INDICAZIONI OPERATIVE

ULTIMO AGGIORNAMENTO: 26 NOVEMBRE 2023

Di seguito nuove disposizioni per il rinnovo della licenza : da martedì 28 novembre 2023 il Ministero (MIMIT) attiverà il servizio online per le richieste e i rinnovi di autorizzazione generale per l' impianto e l' esercizio di stazione di radioamatore (licenza). Le istanze saranno ricevibili esclusivamente attraverso la procedura informatica disponibile al link:

https://appradioamatori.invitalia.it

Eventuali richieste pervenute attraverso altri canali non saranno prese in considerazione.

Maggiori e più dettagliate informazioni sono disponibili sul sito del MIMIT :

https://ispettorati.mise.gov.it/index.php/servizi/radioamatori

Presso la Sezione ARI di Albino (BG) siamo a disposizione per ogni ulteriore chiarimento.

'73 de Paolo IK2SAE

ULTIMO AGGIORNAMENTO: 06 OTTOBRE 2023

Si riportano qui di seguito le indicazioni operative per il rinnovo della licenza di Radioamatore, secondo le normative vigenti.

Innanzitutto si prenda atto che :

Il nome corretto della “ licenza” è Autorizzazione Generale per l’impianto e l’esercizio di stazione di radioamatore anche se per praticità qui continueremo a chiamarla licenza.

La nuova normativa è stata pubblicata con il Decreto 1° marzo 2021, che potete scaricare integralmente dal link riportato in fondo a questa pagina. Con il suddetto Decreto è stato completato il trasferimento agli Ispettorati Territoriali di tutte le competenze in materia radioamatoriale.

Per quanto riguarda la zona 2 (Lombardia), l’ Ufficio di riferimento a Milano è :

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

Direzione Generale per i servizi di comunicazione elettronica, di radiodiffusione e postali.

Divisione X – Ispettorato Territoriale Lombardia – ITLo -

U.O. II – Autorizzazioni, verifiche e controlli

Sul sito https://ispettorati.mise.gov.it/index.php/servizi/radioamatori è possibile trovare i riferimenti dei vari ispettorati territoriali per l’intero territorio nazionale.

INDICAZIONI OPERATIVE:

La domanda di rinnovo licenza deve essere inviata entro 60 giorni prima della scadenza. Esempio: data scadenza licenza 31/12/2023 : la domanda di rinnovo va inviata entro la fine del mese di ottobre 2023.

La domanda di rinnovo della propria licenza dovrà essere inviata solo ed esclusivamente via email. Per la zona 2 Lombardia ad uno degli indirizzi email qui sotto riportati.

1) - per chi – come la maggior parte dei comuni mortali – ha un normale indirizzo email privato:

it.lombardia@mise.gov.it

2) – Soltanto per chi possiede un proprio indirizzo di PEC ( posta elettronica certificata):

dgscerp.div10.isplmb@pec.mise.gov.it

A titolo esemplificativo si riporta una semplice traccia da utilizzare per la email (non serve scrivere dei papiri….) :

OGGETTO : IK2AAA Pinco Pallino – istanza rinnovo di autorizzazione generale radioamatore.

TESTO : in ossequio a quanto indicato nel Decreto 1° marzo 2021 in allegato Vi invio la documentazione per richiedere il rinnovo della mia Autorizzazione generale per l’impianto e l’esercizio di stazione di radioamatore nominativo IK2AAA.

Con ossequi,

IK2AAA Pinco Pallino

Via dei Matti n° 1

24122 Paperopoli

Ma quali sono i documenti da inviare come allegati alla email? Eccoli :

- La scansione del modello A (Alpha) compilato. Lo potete scaricare nel link in fondo alla pagina. Trovate anche un FACSIMILE compilato, da prendere come esempio.

- La scansione del bollettino pagato. nuovo aggiornamento settembre 2023 : Con la nuova normativa entrata in vigore bisogna allegare alla domanda la scansione di un bollettino postale di 50,00 Euro relativo al pagamento dei prossimi 10 anni, quelli per i quali si richiede il rinnovo della licenza.

- La scansione fronte/retro del vostro documento di identità.

IMPORTANTE:

All’invio dell’istanza riceverete (quasi immediatamente) in automatico e sempre via email il relativo numero di protocollo di acquisizione: detto numero sarà anche il numero della Autorizzazione Generale. Per quanto sopra, l’invio della citata dichiarazione contenuta nel Mod. Alpha unitamente al succitato numero di protocollo sono sufficienti quale Autorizzazione Generale.

Sarà cura del Radioamatore conservare detti documenti digitalmente per eventuale esibizione alle Autorità competenti che li dovessero richiedere.

Riassumendo…il numero di protocollo che arriva dopo aver fatto la domanda di rinnovo sarà il nuovo numero della licenza. Sarà da salvare e conservare insieme al Modello A (Alpha) e insieme alla licenza scaduta. Non serve altro. Il rinnovo è fatto per i prossimi 10 anni, a costo zero.

PS : anche se non è scritto nel Decreto, sono stato informato che l' Ispettorato Territoriale Lombardia, dopo circa 20/30 giorni dal ricevimento della domanda, invia al richiedente una email con allegata una lettera di conferma del rinnovo della licenza che - come detto sopra - prende il numero di protocollo      (quello che l' Ispettorato aveva assegnato immediatamente al ricevimento della domanda). Non so come si comportano gli altri Ispettorati sul territorio nazionale.

NOTA BENE : Come detto sopra, il bollettino da pagare dovrà essere di 50,00 EuroSi ricorda che – come in passato - per la zona 2 Lombardia il pagamento va effettuato :

Bollettino postale numero conto :425207

Bonifico Bancario IBAN: IT62P0760101600000000425207
Intestato a: Tesoreria Provinciale dello Stato - Sezione di Milano

UTILIZZO DELLE RADIO ALL’ESTERO :

Prestare molta attenzione al fatto che con la procedura fino qui esposta, la licenza rinnovata è valida solo in Italia. Chi vuole utilizzare le apparecchiature radio anche all’estero, dovrà compilare la dichiarazione sostitutiva. E’ necessario acquistare una marca da bollo da 16,00 Euro.

La suddetta dichiarazione sostitutiva compilata - con la marca da bollo annullata - va scansionata e aggiunta agli allegati nella email di richiesta di rinnovo licenza (oltre agli allegati già precedentemente indicati). Successivamente all’ invio della domanda di rinnovo, riceverete dall’Ispettorato Territoriale il numero di protocollo di acquisizione ed una email con l’ attestato della autorizzazione generale, che vi permetterà di utilizzare le radio anche all’estero.

Cliccando il link in fondo a questa pagina potete visualizzare un FACSIMILE dell’attestato della Autorizzazione Generale.

Trovate anche il modello “Dichiarazione sostituiva” da scaricare e compilare, oltre ad un FACSIMILE compilato di tale dichiarazione sostitutiva, da prendere come esempio.

PS : annullare la marca da bollo significa incollarla nell’apposito spazio in fondo alla dichiarazione sostitutiva, e tracciare sopra due righe, o mettere la propria firma, o un timbro. L’ annullo deve essere fatto sulla marca da bollo e deve continuare sul foglio. Ciò per evitare che possa essere riutilizzata altre volte. Nel FACSIMILE che trovate nel link in fondo a questa pagina vedete – ad esempio - come la marca da bollo viene annullata con la propria firma.

Infine, l’ Ispettorato Territoriale della Lombardia mette a disposizione questi contatti:

Ufficio II U.O. - Autorizzazioni, verifiche e controlli:

Responsabile:

F.A. Dott. Mangiavillano Giuseppe

giuseppe.mangiavillano@mise.gov.it tel.0265502219

NOTA BENE : Non inviate le richieste di rinnovo licenza a questi indirizzi email, ma utilizzare solo ed esclusivamente i link indicati all’inizio di questa pagina.

Conclusioni : Come tutte le cose “nuove” ci vuole un po’ di buona volontà per applicarle correttamente. E’ indubbio che la procedura si è snellita e semplificata. Non dobbiamo più spedire plichi con raccomandate A/R, ma tutto avviene via email. Una bella innovazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico.

Si spera che questo “ vademecum” sia utile e di aiuto per un corretto modus operandi.

Presso la Sezione ARI di Albino (BG) siamo a disposizione per ogni ulteriore chiarimento.

Al link qui sotto riportato è possibile visualizzare e/o scaricare i seguenti documenti:

- Testo completo del Decreto 1° marzo 2021.

- Modello A (Alpha) da scaricare e compilare.

- FACSIMILE compilato – a titolo esemplificativo - del Modello A (Alpha).

- Dichiarazione sostitutiva da scaricare compilare, solo se si vogliono utilizzare le radio all’estero.

- FACSIMILE compilato – a titolo esemplificativo - della dichiarazione sostitutiva.

- FACSIMILE dell’attestato di Autorizzazione Generale che verrà inviata dal Ministero, solo se si ha richiesto di poter utilizzare le radio anche all’estero.

Link a documenti rinnovo licenza


lunedì 13 novembre 2023

Radioassistenza Pe' del Diaol 2023

Anche quest'anno siamo stati operativi alla Pè del Diaol Sprint, gara podistica di 900mt e 180mt di dislivello nella quale abbiamo fornito collegamento con l'arrivo per la comunicazione dei tempi di gara.

Gli operatori coinvolti sono stati: Alberto IZ2XAF, Gilberto IZ2KRZ, Ermanno IK2WZV, Ernesto IW2ODR, Federico IZ2YAL, Marco IU2ACT, Paolo IK2SAE e Giorgio IZ2LPN.

Nell'occasione ci ha aiutato una piccola grande mascotte, speriamo futura radioamatrice, Viola figlia di IZ2YAL che per l'occasione abbiamo battezzato YALina che ci ha allietati con la sua curiosità, entusiasmo e allegria.